IL VIOLINO

il primo violino appartenuto a Benito Mussolini, mi è stato dato dallo stesso Romano il 14/01/2005 ( dichiarazione scritta di Romano Mussolini ).
DETTAGLIO DICHIARAZIONE -->

Questo violino, alquanto anonimo e di costruzione germanica, ha delle particolarità molto importanti,: la prima è un
"pirolo" tendicorda rifatto e non verniciato, la seconda particolarità, sempre del violino,è la "cordiera" anch'essa rifatta e non verniciata. Questi particolari rendono lo strumento alquanto unico. Inoltre questo violino, a detta di alcuni violinisti che lo hanno suonato, genera un suono molto
particolare e ...strano.

La sua cassa armonica misura 36.2 cm, è perciò molto fuori misura. L'esatta lunghezza delle casse armoniche dei violini di quel tempo va da 34.5 e 34.8 cm. inoltre la larghezza della cassa e la distanza della cordiera, anch'esse molto fuori misura
Da una mia ricerca, lo strumento è stato fatto in Germania da liutai di scuola italiana, utilizzando una tecnica in voga fino al 1925 circa, mentre la riparazione ( del pirolo e della cordiera ) del violino, è stata eseguita in Italia.

Si tratta del violino che Benito Mussolini aveva con se
quando si recò la mattina del 7 ottobre 1907 dal
Maestro romagnolo Archimede Montanelli.

VEDI DETTAGLI -->

Dal periodico mensile Mussolinia, “Mussolini musicista” anno v , edizioni Paladino fascicolo n°25 a pag.36
settimo rigo : Il maestro Mussolini, si legge:

(.............)L'istrumento che possedeva allora Benito Mussolini non era certo dei migliori per studiare.
Il Montanelli gli suggerì di acquisarne uno senza difetti di misura, ma l'allievo rispose che vi avrebbe provveduto a tempo...... opportuno
(..................)

 

INDIETRO

HOME PAGE

letto

foto violino